Riflessioni sul Vangelo del giorno

12/02/2014

Mc 7,14-23


Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo.
Dal Vangelo secondo Marco
 
 In quel tempo, Gesù, chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro».
Quando entrò in una casa, lontano dalla folla, i suoi discepoli lo interrogavano sulla parabola. E disse loro: «Così neanche voi siete capaci di comprendere? Non capite che tutto ciò che entra nell’uomo dal di fuori non può renderlo impuro, perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e va nella fogna?». Così rendeva puri tutti gli alimenti.
 E diceva: «Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».

12 Febbario 2014

 

La severità della Legge mosaica circa la distinzione fra il puro e l'impuro, costituiva una barriera fra il giudaismo e il mondo pagano. Nel vangelo di oggi Gesù abolisce la legge sulla distinzione tra cibi puri e impuri, riportando la centralità della legge all'interiorità del cuore, non all'esteriorità dei cibi e rendendo poi di fatto possibile la comunione anche a tavola, nella comunità cristiana, fra giudei e pagani convertiti.

Le parole di Gesù segnano il passaggio da una legge sterna fatta di divieti e prescrizioni, alla libertà dello Spirito e della grazia.

La vera causa dell'impurità va ricercata non nei cibi che si mangiano, ma nell'intimo, in ciò che esce dall'uomo, dal suo cuore. I pensieri cattivi sono poi esplicitati con un catalogo di dodici vizi, che designano atti contro la legge e atteggiamenti peccaninosi, ma tutti riconducibili nella loro origine ai pensieri del cuore.

Verifichiamo allora nella nostra vita non ciò che mangiamo e che potrebbe anche non essere utile per la salute, ma soprattutto i pensieri che abbiamo nel cuore e cercare di capire da dove vengono. Esaminiamo se il nostro pensare, i nostri desideri, sono secondo la legge dell'amore e scopriremo nella bontà dei nostri pensieri, la serenità interiore e la purezza del cuore.