Home

02/10/2017

Esercizi Spirituali Parrocchiali: 2-7 ottobre 2017


Rimanere con Gesù per ascoltarlo:
“Tu solo hai parole di vita eterna”


Vengono alla memoria le parole di una vecchia canzone, sempre attuale: “Quanta fretta , ma dove corri…dove vai?”. Siamo di fretta, presi da ciò che facciamo e dal giocare di ogni giorno sui nostri telefoni e tablet. Stare con noi stessi è diventato difficile, forse non sappiamo neppure più farlo. E questo vale anche per il nostro stare con Gesù, per ascoltarlo e vivere una vera comunione con lui. Questa è la fede: la comunione con Cristo vivendo alla sua presenza.

Dobbiamo tornare a custodire la nostra vita spirituale, la nostra vita interiore, dando tempo a ciò che ci fa ritrovare pace e autenticità. Vogliamo tornare a Gesù che ci fa conoscere veramente chi siamo, per camminare con lui e capire dove stiamo andando.

“Venite e vedrete” dice Gesù a ciascuno di noi. “E quel giorno si fermarono presso di lui”. Rimanere con Gesù fermarsi, dalla fretta e superare la paura di rimanere in silenzio, per ascoltare anche noi stessi. Ecco il significato di alcuni giorni dedicati in parrocchia alla preghiera, all’ascolto di Gesù che ci parla.

Rimanere con Gesù per ascoltarlo. La fede cresce con l’ascolto di Gesù. E Lui sempre ci parla perché è vivo. Col suo Spirito è intimo a noi più di noi stessi. Le parole di Gesù ci fanno bene perché ci dicono il suo amore e ci spingono a vivere nell’amore, ci donano la pace. Ecco perché sono parole di vita eterna. Rischiamo di sentire tante parole, di ascoltare di tutto, col pericolo di essere frastornati e i nostri navigatori, anche di ultima generazione, non riescono a conoscere i sentieri della verità e dell’amore. La parola di Gesù non tradisce mai, perché Lui ci ama e ci conosce. Allora in questa settimana troviamo il tempo, nella fretta di ogni giorno, per stare in preghiera con Gesù, per ascoltarlo, per sentire le parole che oggi lui dice a noi per la nostra vita. Abbiamo bisogno del dialogo con Gesù nella preghiera. E troveremo ristoro per le nostre anime.

Preghiera per questa settimana

Signore, fa’ che io riservi del tempo per mettermi dinanzi a te in pace e per accogliere la parola che vuoi dire ancora alla mia vita. Apri il mio orecchio all’ascolto, il mio cuore ad amarti, le mie forze per aiutarti nei miei fratelli. Donami la grazia del silenzio e la pace del cuore in tua compagnia.  Ti prego Gesù guarisci le mie ferite, spazza via le mie paure, donami il coraggio di osare in un amore più generoso, un amore che solo tu mi puoi donare, perché Tu solo hai parole di vita. Parla Gesù sono qui per ascoltarti e eseguirti dove tu vorrai.

Rimanere con Gesù per ascoltarlo: “Tu solo hai parole di vita eterna”

 

Vangeli per gli esercizi spirituali

Dal Vangelo di Giovanni (cap. 1)

35Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli 36e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: "Ecco l'agnello di Dio!". 37E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. 38Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: "Che cosa cercate?". Gli risposero: "Rabbì - che, tradotto, significa Maestro -, dove dimori?". 39Disse loro: "Venite e vedrete". Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.

Signore Gesù ho iniziato a seguirti. Sto cercando una vita piena e felice. Tanto volte ho sentito il vangelo, ma mi sono distratto a seguire altre parole che spesso mi hanno allontanato da Te. Ora desidero stare con te, conoscere dove tu abiti. Desidero rimanere con te per ascoltare la tua parola che so che sempre tu mi attendi per parlare al mio cuore.

 

Dal Vangelo di Giovanni (cap. 6)

Disse allora Gesù ai Dodici: "Volete andarvene anche voi?". 68Gli rispose Simon Pietro: "Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna 69e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio".

Tante volte Signore vado un po’ in crisi. Le tue parole mi sembrano troppo impegnative. Ma quando mi allontano sento che tu mi chiami di nuovo e mi inviti a seguirti. Io sono qui perché ho capito che tu mi vuoi bene. Sono certo del tuo amore e che le tue parole sono vere, per questo sono impegnative. Credo in Te Signore Gesù, desidero ascoltare ancora le tue parole, perché mi aiutano a capire chi sono e a camminare nell’amore sul tuo esempio e col tuo aiuto.

Dal Vangelo di Matteo (cap. 7)

“Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. 25Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia. 26Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. 27Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande".

Mi fermo a pensare alla mia vita. La metto davanti a Te. Guarda Signore alla casa della mia via, alle crepe che si sono aperte, ai legami che ho, specialmente a quelli più faticosi. Cerco di capire quali gioie mi accompagnano e quali tempeste mi spaventano. Poi mi chiedo se Tu Signore sei la roccia sicura e fedele della mia vita, se costruisco su di te oppure sulla sabbia del mio orgoglio e del mio  egoismo. Allora faccio un atto di fede nel tuo amore. E trovo pace nella tempesta, aiuto nelle mie difficolta, che ora voglio vivere con te e per te.

Rimanere con Gesù per ascoltarlo: “Tu solo hai parole di vita eterna”

 

Preghiere

 

Padre mio, io mi abbandono a Te, fa' di me ciò che ti piace.
Qualunque cosa tu faccia di me, ti ringrazio.
Sono pronto a tutto, accetto tutto, purché la tua volontà
si compia in me
e in tutte le tue creature.
Non desidero niente altro, Dio mio; rimetto l'anima mia nelle tue mani te la dono, Dio mio, con tutto l'amore del mio cuore, perché ti amo.
Ed è per me un'esigenza d'amore il darmi, il rimettermi nelle tue mani, senza misura,
con una confidenza infinita,
poiché Tu sei il Padre mio.

 

Signore, mi manca la capacità di ascolto.
Fa’ che ascoltandoti diventi più sensibile e più attento a ciò che mi circonda e a ciò che avviene in me, nella mia mente e nel mio cuore.

Tu non ci hai creati per vivere nell’inconsapevolezza, ma per conoscerti, amarti e lodarti.
Insegnami, sin dal primo mattino a fare silenzio nella mia mente e nel mio cuore affinché possa percepire i tuoi palpiti d’amore attraverso il mio respiro, i battiti del mio cuore, i riflessi della luce, le persone che mi hai messo accanto in famiglia, sul posto di lavoro, nelle varie occasioni sociali.

Aiutami a percepire il mistero della tua presenza paterna negli avvenimenti gioiosi e tristi della mia vita.
Rendimi attento alle parole del povero e del bisognoso : fa che non mi disperda nell’indifferenza e nell’apatia.
Donami la capacità di ascoltare per amarti e lodarti in eterno!

 

Concedimi Signore,
di stare alla Tua presenza
e di adorarTi
nel profondo del cuore.

Aiutami a far silenzio,
intorno a me e dentro di me,
per poter meglio ascoltare
la Tua voce.

Ispira Tu i miei pensieri,
sentimenti, desideri e decisioni affinché io cerchi,
sempre ed unicamente,
quello che è più gradito a Te.

Spirito Santo, dono del Padre,
crea in me un cuore nuovo,
libero per donarmi senza riserve,
seguendo Cristo umile e povero.

Maria, Madre di Gesù
e Madre della Chiesa,
modello di disponibilità alla voce di Dio, aiuta la mia preghiera
con la tua preghiera.